Il nuovo libro autobiografico di David Bailey

David Bailey, divenuto oggi uno dei fotografi maggiormente noti in tutto il mondo

10/04/2019 00:00
Descrizione
 
Gallery
 
Video
 
Commenti
 
Contatti
 
Nuovo lavoro quello di David Bailey, che racconterà tutto il suo lavoro durato oltre 60 anni e che verrà narrato in questo libro in edizione limitata attraverso un elemento fondamentale, ovvero le foto. 


Chi è David Bailey

David Bailey, divenuto oggi uno dei fotografi maggiormente noti in tutto il mondo, nasce a Londra nel 1938 in una famiglia di lavoratori: suo padre è infatti un sarto e sua madre lavora, in qualità di macchinista, presso una delle tante fabbriche londinesi che sorgevano durante quegli anni.

Il giovane David, durante la sua infanzia, deve fare i conti con ben due problemi di salute abbastanza gravi, ovvero dislessia e problemi motori, che lo portano a frequentare la scuola privata Clark's College di Ilford, che frequenterà pochissimo.
Durante la sua adolescenza nasce la passione per la fotografia, in particolar modo per i soggetti naturali e per le persone.
Dopo aver prestato servizio per la Royal Air Force, David decide di tentare la carriera fotografica ma, inizialmente, tutte le porte le vengono chiuse: l'assenza di un titolo di studio utile per avviare questa professione giocherà un ruolo fondamentale, tanto che David deciderà di acquistare la sua prima Canon grazie ai soldi ottenuti grazie agli svariati lavori, definiti senza sbocco, che decise di svolgere per acquistare l'attrezzatura necessaria per lo svolgimento di tale professione.


La lunga carriera di David Bailey

La carriera fotografica di David Bailey inizia nel 1959, quando inizia a lavorare per lo studio di John French, che gli permetterà di acquisire tutte le diverse conoscenze nel campo della fotografia.
Durante quel periodo, David riesce ad affinare la sua tecnica fotografica e allo stesso tempo riesce anche a scoprire quali sono le migliori impostazioni, intese come angolazioni e gioco di luci, che riescono a migliorare esteticamente ogni singolo scatto fotografico da realizzare.
Successivamente inizia a lavorare per la rivista di moda Vogue e allo stesso tempo, grazie al suo modo di operare, diviene il freelance maggiormente ricercato sia dai personaggi famosi che dalle case di moda.

Passano gli anni e la fama di David Bailey non smette di crescere: attorno agli anni 70 fu l'autore di diversi documentari che riguardavano il mondo della fotografia e il ruolo importante che i fotografi assumono in questo particolare ambiente.
Inoltre si occuperà di scattare diverse fotografie particolari ai tanti personaggi famosi che volevano avere la sicurezza che la foto fosse perfetta: tra di essi spicca Alice Cooper, noto cantante rock che si fece immortalare completamente nudo con un solo serpente nelle parti intime che coprivano il sesso del cantante.
Bailey è anche l'autore di molte delle copertine degli album dei cantanti di quegli anni, in particolar modo dei Rolling Stones e Beatles.
Parallelamente gli scatti nel campo della moda continueranno ad aumentare e molte modelle sosterranno che il loro successo è stato tale grazie anche ai diversi scatti fotografici effettuati dallo stesso Bailey.


Sumo, l'ultima opera di David Bailey

Dalla Regine Elisabetta II a Nelson Mandela, passando per Kate Moss e Mick Jager: sono questi alcuni degli oltre 300 ritratti presenti nel libro Sumo di David Bailey, che racconta gli oltre 60 anni di carriera fotografica in giro per il mondo, in grado di trasmettere passione e soprattutto di tramutare anche un semplice ritratto una vera e propria opera interessante.

Il libro, le cui dimensioni sono pari a 50 x 70 centimetri, e caratterizzato da un peso di 50 chilogrammi e ogni foto viene accompagnata da una breve didascalia che racconta la motivazione per la quale il fotografo ha effettuato quello scatto.
__
___

Inoltre vi è una prefazione scritta da Damien Hirst, noto artista londinese che introduce ed eloggia il lavoro svolto dal fotografo, nonché un breve saggio che racconta la carriera di Bailey scritta dal critico Francis Hodgson.
Il libro sarà prodotto in edizione limitata e solamente 3 mila copie verranno stampate, il cui prezzo è ancora sconosciuto ma avrà un valore inestimabile per gli amanti della fotografia e in particolar modo dei ritratti di personaggi famosi.