Simone Guidarelli lancia alla Milano Design Week la sua iconica collection

Simone Guidarelli e la stilista Elisabetta Franchi, lanciano una linea unica di tessuti da Parati

13/04/2019 00:00
Email: fashionvipone@gmail.com
Description
 
Gallery
 
Video
 
Comments
 
Contacts
 

Eccentrico, geniale, talentuoso, Simone Guidarelli, conosciuto da tutti come fashion editor di Vanity Fair e Glamour, ma anche ex ballerino oltre che psicolgo, si lancia anche nel mondo del design, risultando essere la vera scoperta del Fuori Salone 2019.

__

__

In occasione di questa Milano Design Week, l’apprezzatissimo stylist ha presentato, in co-brading all’amica e stilista, Elisabetta Franchi, una linea di tessuti da parati davvero unica: la “Simone Guidarelli Walldesign”.

__

__

La collection, frutto di un estenuante e proficuo lavoro, è formata da 4 diversi ed unici pattern, su cui si posano delicatamente farfalle colorate, cicogne e pavoni, ma anche gorilla che si arrampicano sinuosi tra rose e fiori esotici, gli stessi fiori che sbocciano non solo sulla carta, ma che sembran prender vita anche sui modelli in limited edition realizzati dalla Franchi come i mini dress smanicati, i morbidi abiti fluidi in georgette, i tailleur e le camicie.

Un mondo che lo stesso Simone, sulla sua seguitissima pagina Instagram, definisce di voler vedere così “con cuore leggere e gli occhi pieni di colore”.

Il lancio di questa nuova capsule, avvenuto qualche giorno fa nella Boutique milanese della stilista in via Manzoni 37, sembra proprio aver fatto catapultare i migliaia di fan e tanti ospiti celebri accorsi (tra cui Federica Panicucci, Giorgia Surina, Gabriele Parpiglia, Maddalena Corvaglia, Simona Ventura, Bianca Aztei, Luciana Littizzetto, per citarne alcuni) in un giardino incantato.Una vera e propria fiaba insomma.

__

__

E così, proprio come ogni favola che si rispetti, c’era anche lo speciale mezzo di locomozione. Per stavolta niente zucche trasformate in dorate carrozze, niente cavalli bianchi, ma per questo speciale ed epico evento, c’era lei la “Simone mobile”, una Lancia vintage ovviamente rivestita con uno dei favolosi pattern della collezione.

Così Simone, in sella al suo bolide, si lascia fotografare anche dall’obiettivo di ModaMax fiero e sorridente, consapevole di aver fatto centro, anche stavolta.