L'intervista a Ximon Lee, il primo designer di abbigliamento maschile che riceve il premio da H&M

Ximon Lee è originario di Hong Kong, ma vive nella Grande Mela

31/01/2019 21:25
Descrizione
 
Gallery
 
Video
 
Comments
 
Contatti
 

Ximon Lee, 24 anni e diplomato alla Parsons di New York, è il primo designer di abbigliamento maschile che riceve il premio da H&M Design Award.

È originario di Hong Kong, ma vive nella Grande Mela e i suoi abiti creano una stratificazione e trame organiche. La sua principale fonte d'ispirazione è stato il documentario "Children of Leningradsky" che parla di un gruppo di bambini senzatetto che vivevano in una stazione ferroviaria a Mosca durante l'era post-sovietica.

In effetti, Lee si è recato in Russia per creare il proprio collage di idee per la raccolta. Il 27 gennaio ha presentato la sua collezione vincitrice in una sfilata durante la settimana della moda di Stoccolma e oggi abbiamo pubblicato una breve intervista su come ha vissuto questo evento.

Guardando indietro, come ricordi il processo di progettazione di quest'ultima collezione? Dove hai trovato l'ispirazione?

Ho usato jeans imbottiti, maglie e sacchi della spazzatura in questa collezione. La maggior parte degli indumenti duri sono parti industriali o altri oggetti metallici. I jeans indaco naturali sono stati sbiancati in diverse tonalità di blu. Questa collezione è una giustapposizione di morbido e duro; materiali organici e sintetici. La collezione è stata ispirata dal documentario "The Children of Leningradsky".

Chi o quali sono i tuoi referenti quando componi una collezione?

Sono molto interessato a persone reali, comunità e storie quando si tratta di ricerca. Ad esempio, per questa collezione mi sono ispirato al documentario "The Children of Leningradsky". Come ispirazione ho iniziato a cercare libri e documentari post-sovietici. Le persone che guardano mi danno infinite risorse e la città di New York, dove vivo, è uno dei posti migliori per questo.

In questo mondo difficile, quali ostacoli devono affrontare i giovani designer?

Internet. A volte vorrei non essere nato durante l'era di internet.

Hai avuto qualche mentore durante il tuo processo di apprendimento?

Ho avuto molti mentori durante il mio processo di apprendimento. I miei professori, il mio capo Phillip Lim e molti altri buoni amici sono tutti i miei mentori.

Qual è la migliore lezione che hai imparato da questo settore?

La migliore lezione che ho imparato finora è essere onesti. È importante essere onesti durante un processo di progettazione. Una regola essenziale quando stai progettando ... inizia sempre con grandi idee e poi restringile.

E qualche regola nella fase del fitting?

Guardo il modello e la forma del vestito nello specchio. Questo mi aiuta sempre a vedere i miei disegni in una diversa angolazione o luce.

Cosa saresti se non fossi un designer?

Vorrei aprire un ristorante con un bar, uno spazio sociale e una galleria. Penso che il cibo sia sempre la parte più importante della mia vita.

Qual è stata la prima cosa che hai pensato quando ti sei reso conto che eri il vincitore?

Come posso fare una collezione migliore di questa. Come posso utilizzare il premio in contanti in modo efficiente nella mia prossima collezione.