VOGUE: Gigi Hadid, la pelle troppo Ambrata che a fatto scalpore

La modella Gigi Hadid è quasi sempre al centro di polemiche e lo era stata anche nel Maggio del 2018 quando aveva posato per la copertina di Vogue Italia

02/04/2019 00:00
Descrizione
 
Gallery
 
Video
 
Commenti
 
Contatti
 

Questa settimana la protagonista dello "scandalo" è la rivista di moda Vogue Italia, per la copertina di Maggio 2018 aveva posato la famosissima top model Gigi Hadid, a cui gli haters non danno mai pace, troppo grassa, troppo magra e per la cover dello scorso Maggio hanno ben pensato che fosse troppo "nera". Avevano accusato fin da subito la rivista Vogue di razzismo, per non aver voluto utilizzare una modella di colore, non facendo conto del fatto che il magazine da anni si occupa proprio della diversità.

La modella Gigi Hadid è quasi sempre al centro di polemiche, dai social vengono troppo spesso critiche infondate fatte dagli haters, e così era stato per la copertina di Maggio 2018 di Vogue Italia, rivista di moda diretta da Emanuele Farneti, dove la modella posa indossando una tuta di Dolce&Gabbana, orecchini pendenti ed una corona, lo scatto la ritraeva seduta sulle gambe del modello Justin Martin
La copertina annunciava un servizio fotografico scattato da Steven Klein "High Voltage", che gioca con l'alta tensione e celebra la forza femminile.

__________________

Fonte Web.

Il servizio fotografico era dedicato al beachwear e quindi la make-up artist Fulvia Farolfi, che è stata intervistata anche da ModaMax magazine proprio a riguardo, ha deciso di abbronzare la pelle di Gigi come se avesse appena passato delle vacanze al mare, ma ci ha messo lo zampino anche il fotografo Steven Klein che, come dichiarato anche dalla Farolfi durante l'intervista, ha utilizzato dei filtri che hanno accentuato la saturazione e quindi il make-up era risultato più scuro.

____________

Fonte Web.

Ma ovviamente sui social si erano scatenati con accuse rivolte verso il magazine ed era diventato un vero e proprio incubo mediatico. 
 "Perché assumere una modella nera, se possiamo dipingere il corpo e la faccia di Gigi per renderla simile..." era uno dei commenti che era apparso sui social ed ancora "Sembra una persona completamente diversa "
"Questa non sei tu ..." "Troppo autoabbronzante"
Insomma una tempesta di critiche si era scatenata sotto il post dove Gigi Hadid aveva annunciato fiera la copertina di Vogue Italia.

Mentre gli haters si erano scatenati convinti, però, non si rendevano conto di fare una vera e propria figuraccia, perché la stylist di Vogue Italia è Patti Wilson, un'icona black che non si può di certo definire razzista!
In più Vogue Italia era stata una delle prime riviste a realizzare le sue copertine con modelle di colore, quando ancora non sembrava usuale farlo.

Ma come avevano reagito ai commenti i diretti interessati?

Vogue Italia aveva risposto ai commenti negativi con una semplice nota:

"Nel corso della sua storia, Vogue Italia ha sempre rispettato e persino incoraggiato il punto di vista dei fotografi a cui commissiona i servizi. Inutile dire che questo è il caso delle ultime immagini di Steven Klein, un creativo la cui visione ha avuto un impatto nel plasmare il percorso della nostra rivista. La fotografia di moda, e in particolare quella di Vogue Italia, è un'interpretazione della realtà, non una sua rappresentazione letterale, e questo approccio creativo si applica alla copertina del numero di maggio"

Gigi Hadid, invece, aveva semplicemente ignorato le critiche perché troppo abituata agli haters che si scatenano sui social, accusata sempre di essere troppo grassa o troppo magra, insinuando addirittura che soffrisse di disturbi alimentari

Anche la make-up artist Fulvia Farolfi aveva ignorato le critiche perché come ha detto durante l'intervista per ModaMax erano critiche infondate. 

Sui social spesso si commenta con troppa facilità, accusando e gridando al razzismo senza riflettere e senza nemmeno conoscere.